· 

Aldo Moro, Peppino Impastato: il prezzo della libertà

9 Maggio, giornata del ricordo delle vittime del terrorismo.

Il 9 Maggio del 1978 furono barbaramente uccisi Aldo Moro e Peppino Impastato.

Due figure che non si conoscevano e che nella loro vicenda umana non potevano essere più diverse. E magari trovare un tratto comune tra loro potrebbe sembrare una forzatura. Nonostante questo io penso che questo tratto ci sia: ed è la libertà. Aldo Moro fu un uomo libero. Nel suo impegno pubblico capì che il futuro del Paese sarebbe stato migliore se il cattolicesimo democratico e il progressismo di sinistra avessero stretto un patto. E pagò con la vita quella lungimiranza.

Peppino Impastato è stato un uomo libero. Libero di rendere pubblico il malaffare mafioso della sua città, Cinisi. Libero di sbeffeggiarlo alla faccia dei perbenisti che di quel malaffare erano contigui beneficiari. Libero anche quando quel malaffare cercò di infangarne la memoria facendolo passare per un anarchico attentatore.


E allora io dico GRAZIE Presidente Moro, grazie Peppino! Se l'Italia è un paese libero è grazie a persone come voi. E il vostro esempio non morirà mai.