· 

"Non ci sono i soldi per fare nulla". Ma la progettualità dov'è?

E' un anno che a Rovato ci sentiamo dire che non ci sono risorse per far nulla se non l'ordinaria amministrazione e che è già molto occuparsi di quella. Da una recente riflessione del sindaco leggo un passaggio che ci chiama in causa:

"...In campagna elettorale, a differenza della concorrenza, non ho promesso nuove opere e ho tenuto un profilo estremamente basso e prudente, convinto del fatto che le risorse a disposizione fossero appena necessarie a mantenere in ordine il patrimonio pubblico....".

 

Noi, la cosiddetta concorrenza, per inciso non abbiamo proposto opere pubbliche nuove a vanvera come si tenta di far credere. Piuttosto, dopo un durissimo lavoro di analisi preparatoria fatto insieme a me da molte persone attraverso svariati gruppi di lavoro avevamo tracciato la strada che avremmo seguito per reperire concretamente le risorse economiche per i progetti inseriti nel programma elettorale (reperibile tuttora qui).

Avevamo parlato di Bandi (dai regionali agli europei) e razionalizzazioni. Ma puoi sperare di vincere qualche bando solo se hai un progetto ben preparato.

Anche alla nostra assemblea pubblica "Un anno di (non) amministrazione" del 03 giugno scorso l'ho sottolineato con un esempio. Ho citato per l'ennesima volta il totale lassismo dell'amministrazione comunale sulla riqualificazione dell'illuminazione pubblica rovatese, tema sia economico (punti luce non di proprietà vetusti con costosa manutenzione e dagli elevatissimi consumi energetici) ma anche di sicurezza (sia stradale che di ordine pubblico). E la cronaca nera di settimana scorsa lo sottolinea, purtroppo.

 

E' notizia di questi giorni che l'amministrazione comunale di Lonato del Garda, invece, abbia intrapreso su questo tema il percorso da noi auspicato per la nostra comunità, nell'ambito di un più articolato piano energetico. Si legga l'articolo del Giornale di Brescia del 04 Giugno sopra riportato.

L'intervento, finanziato con un accordo di 9 anni con un consorzio di imprese  consentirà di sostituire 3.500 lampade con nuovi apparecchi a led, attivando 200 punti luce nuovi, tanto per citare un aspetto.

 

Cito l'esempio di Lonato del Garda per vari motivi:

1) ha dimensioni paragonabili a Rovato per popolazione 

2) ha eletto il suo attuale sindaco il medesimo giorno di Rovato, un anno fa esatto

3) l'amministrazione comunale in carica è in continuità politica con la precedente come  accaduto da noi 

4) è governato dal centrodestra, a riprova che non ne faccio una questione di colore politico ma mi attengo come sempre esclusivamente al merito della questione

 

Perchè a Lonato del Garda si può fare un intervento di questo tipo e a Rovato no?

Non sarebbe arrivato il momento di smettere di buttare letteralmente dalla finestra un sacco di soldi per una illuminazione pubblica scadente e avviare la procedura di riscatto dei punti luce, tanto per cominciare? 

L'alternativa? Lamentarsi del fatto che non ci siano i soldi per fare nulla..... Appunto! 

 

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Silvio4Ever (mercoledì, 15 giugno 2016 13:53)

    .... meglio non facciano nulla, altrimenti sai quanto disastri!