"Il fresco profumo della libertà contro il puzzo del compromesso morale"

"La lotta alla mafia dev’essere innanzitutto un movimento culturale che abitui tutti a sentire la bellezza del fresco profumo della libertà che si oppone al puzzo del compromesso morale, dell'indifferenza, della contiguità e quindi della complicità."

Così si esprimeva Paolo Borsellino in una delle sue tante frasi divenute celebri.

 

Oggi ricorrono 25 anni dalla strage di via D'Amelio che tolse la vita, oltre al magistrato, anche agli agenti della scorta Agostino Catalano, Emanuela Loi (prima donna a far parte di una scorta), Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina.

Ricordo ancora come fosse oggi il giorno della strage. Non avevo ancora 15 anni e rammento in maniera nitidissima il senso di inquietudine che provai ritenendo impossibile che fosse stato ucciso il giudice Borsellino a nemmeno due mesi dall'amico fraterno Falcone. "Ma come è possibile che lo Stato abbia consentito ciò? Perchè non l'ha protetto sapendo che era nel mirino della mafia?" Quelle domande da quindicenne sono ancora oggi senza risposta, purtroppo.

Negli anni successivi ricordo di aver partecipato ancora minorenne anche a delle iniziative che portarono a Rovato le sorelle dei due giudici che vennero a testimoniare di come la cultura, l'attaccamento e il senso delle istituzioni fossero fondamentali per costruire uno Stato più giusto.

Non nascondo che è anche grazie a esempi come quello del giudice Borsellino che nel mio piccolo ho deciso di impegnarmi a livello pubblico. Perchè, come diceva lui nel virgolettato che ho sopra riportato, a me il compromesso morale, l'indifferenza, la contiguità e la complicità hanno sempre fatto schifo.

Scrivi commento

Commenti: 2
  • #1

    Pierfranca lorenza (mercoledì, 19 luglio 2017 22:08)

    Sono emozionata x il suo messaggio..... ma triste x mancate risposte a questi omicidi mafiosi. Buona serata!

  • #2

    Angelo Bergomi (sabato, 22 luglio 2017 13:38)

    Grazie Pierfranca. I suoi commenti non sono mai banali.
    Angelo

    P.S. Mi dia pure del tu.