· 

Alla Bonfadina un impianto di trattamento rifiuti?

Nel consiglio comunale del 19/12/2017 si è votata una mozione presentata da noi e da Rovato Civica con la quale chiedevamo una presa di posizione di contrarietà dell'amministrazione comunale di Rovato all'ipotesi di insediamento di un impianto di trattamento rifiuti nel perimetro del bacino dell'ATEg09.

La domanda fa il paio con la richiesta di insediare nel lotto sud del bacino di impianti di betonaggio, produzione di conglomerati bituminosi e asfalti avanzata addirittura nello scorso aprile e mai pubblicata all'albo pretorio di nessuno dei due Comuni di Rovato e Cazzago S.M..

La mozione è stata respinta dalla maggioranza compatta. A favore della mozione, oltre a noi e Rovato Civica anche il consigliere Zafferri. Qui sotto riportiamo un comunicato stampa al riguardo. Segnaliamo la foto sopra riportata che riprende le dimensioni impressionanti degli scavi di questi anni e le zone dove sono previste le collocazioni dei nuovi impianti.

Sottolineo come tutte le più fosche previsioni che io e molti altri amici avanzammo 13 anni fa quando ci battemmo affinchè le allora amministrazioni provinciale e regionale non inserissero nel Piano Cave Provinciale di Brescia questo bacino si stanno inesorabilmente avverando tutte. A partire dall'utilizzo del bacino per attività di smaltimento rifiuti. Lo ricordo anche a quei membri di maggioranza che da privati cittadini nel 2004 firmarono la nostra petizione di opposizione all'arrivo della cava (6.000 firme!) e oggi da consiglieri comunali hanno votato contro alla mozione.

 

 

Rovato, 20 Dicembre 2017

 

COMUNICATO STAMPA su “CAVA BONFADINA”

Alla faccia del "recupero ad uso naturalistico ricreativo da concordarsi con l'amministrazione comunale" previsto dal Piano Cave Provinciale il bacino estrattivo della cava Bonfadina torna ad essere interessato da due richieste da parte del privato: 

1)      Lo spostamento di impianti di betonaggio e trattamento inerti da un bacino di Castegnato nel lotto a ridosso della frazione di Lodetto
2) L'insediamento di un imponente impianto di trattamento rifiuti su un lotto in territorio di Cazzago S.M.
Serio il rischio che il privato chieda anche importanti volumetrie estrattive nel redigendo nuovo piano cave. 

Attraverso una mozione consigliare avevamo chiesto che l'amministrazione comunale di Rovato prendesse una posizione contraria. Nel consiglio comunale di ieri 19/12/2017 la maggioranza ha invece deciso di bocciare la mozione ritenendo che l'insediamento di questi impianti e il potenziale inserimento di nuovi volumi estrattivi non fosse un rischio per la comunità dichiarando ufficialmente di non voler prendere parte con osservazioni di contrarietà agli iter.

 

L'amministrazione comunale ha deciso quindi di ripercorrere i medesimi errori fatti nel 2001-2002 dall'allora amministrazione del sindaco Manenti che, non producendo osservazioni di contrarietà all'inserimento nel piano cave di questo sito, spianò la strada all'arrivo della cava. E di questa scelta la maggioranza se ne deve assumere la responsabilità di fronte ai cittadini. Ci pare incredibile che prima esprima plauso all'istituzione del PTRA della Franciacorta a tutela del territorio e poi non voglia dir nulla rispetto a impianti previsti a poche centinaia di metri da vigneti. Dal canto nostro ci batteremo, come sempre abbiamo fatto, affinchè il guadagno di pochi non pregiudichi l'ambiente che è di tutti. Per questi motivi abbiamo già protocollato osservazioni di contrarietà al progetto presso la Provincia, i Comuni di Rovato e Cazzago S.M., l'ARPA, l'ATS (ex ASL), e in conoscenza a Coldiretti Lombardia/Brescia, Confagricoltura Brescia e Consorzio Tutela del Franciacorta.


PD Rovato

 

Rovato Civica

Download
Punto 19 allegato_mozione_cava.pdf
Documento Adobe Acrobat 232.6 KB

Scrivi commento

Commenti: 0