· 

Ciao Pablito!

 

Sembra incredibile che a pochi giorni dalla scomparsa di Diego Armando Maradona se ne sia andata un'altra icona del calcio mondiale e italiano.

A soli 64 anni scompare Paolo Rossi, simbolo di tante gesta sportive. Di esse ne ricorderemo sempre una su tutte: la vittoria al Campionato del Mondo del 1982 in Spagna.

Indimenticabili le immagini di quel mondiale: la tripletta incredibile contro il Brasile di Zico e Socrates, il goal nella finale di Madrid contro la Germania, gli sguardi e i sorrisi con Bruno Conti, Cabrini e Gentile, l'abbraccio con Bearzot, l'esultanza del Presidente Sandro Pertini in tribuna a fianco di un impassibile re Juan Carlos, il "Campioni del mondo" detto tre volte da Nando Martellini.

Paolo Rossi è stato però anche altro: il garbo e l'intelligenza dimostrate in tante occasioni pubbliche dopo la fine della carriera agonistica.

Grazie per quelle notti magiche in cui un popolo provato da grandi tensioni e tragedie si strinse attorno alla propria nazionale e al proprio Presidente della Repubblica, riscoprendosi orgoglioso della propria terra e della propria passione.

Tu che hai fatto piangere il Brasile, stavolta, hai fatto piangere tutti noi.

Ciao Pablito!

Scrivi commento

Commenti: 0